ESA Euronews: Si torna sulla Luna

0
(0)

Tornare sulla Luna? La prossima tappa dell’esplorazione spaziale, dopo l’esperienza della Stazione Spaziale Internazionale, prevede molto di più. L’Agenzia spaziale europea ha un nuovo obiettivo: costruire una base permanente sulla luna.

I russi furono i primi a lanciare una missione sulla luna mentre gli americani i primi a camminare sulla sua superficie. Oggi la luna continua ad essere al centro di ambiziose ricerche come ci conferma anche il direttore generale dell’Agenzia spaziale europea Jan Wörner. Una base internazionale, una stazione aperta ai diversi Stati membri dell’Agenzia e ai paesi di tutto il mondo.

Un sogno animato dalla stessa passione che ha portato il primo uomo sulla Luna. Certo finora nessuno ha mai realizzato un progetto simile. Dalla missione spaziale Apollo sono stati fatti passi da gigante.

Similar Posts:

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

8 Comments

  1. perchè non mante 2-4 astronauti sulla luna e li fate stare una settimana circa? potrebbero sostare in una capsula abbastanza grande da poter contenere almeno 2 membri, il resto delle attività si svolgeranno al di fuori della casula che verrà usata solo per ripossarsi e per cibarsi.

    questa missione servirà per studiare come si comporta l'uomo sulla luna/un'altro pianeta, prima di intraprendere un progetto enorme e diretto come quello di colonizzare la luna.
    perchè il fatto che (forse) gli americani hanno camminato per primi sulla luna, non è sufficiente per determinare se l'uomo può veramente sopravvivere o meno sul nostro satellite.

    oppure potete creare una vera navicella in grado di atterrare e decollare dai pianeti, so che ci vorrà molto carburante ma si può tranquillamente fare rifornimento quando la navicella è nello spazio aperto, o mandare capsule di carburante sul pianeta dove è rimasta bloccata la navicella…

    in ogni caso suggerisco di creare la civiltà, ai piedi di una montagna/roccia o collina abbastanza grande da poter offrire protezione almeno da un lato, o magari creare un'unica capsula che proteggerà l'intera civiltà anzicchè fare capsule per ogni singola struttura. oppure semplicemente si può creare un'astronave madre e viviamo direttamente nello spazio aperto, e useremo la terra per reperire le risorse gratuitamente così non dovremo fare guerre inutili,tipo per il petrolio.

    il fatto è che l'unica cosa che attualmente impedisce l'uomo di fare passi definitivi nello spazio, è proprio il fatto che attualmente non si conoscono o non vengono applicati dei sistemi semplici e poco dispendiosi di propulsione. eppure secondo me, lo shuttle dovrebbe esser ripreso in considerazione come modello di astronave per spostamenti rapidi. se venisse creato uno shuttle con il sistema VTOL sarebbe già un passo verso il dominio vero e proprio dello spazio.

  2. Seee…. se per le Gemini/Apollo ci han messo 10 anni con una marea di denaro (220 MLD di € attualizzati al 2017) oggi con la miseria che c'è, di questo passo, ci metteranno 30 anni!

Leave a Reply

Your email address will not be published.